Jostein Gaarder - Vita brevis


La storia d'amore tra Floria Emilia e Sant'Agostino, avvenuta prima della sua conversione, immaginata e concretizzata (seppur a modo suo) da Gaarder. Una relazione travagliata e difficile, amorevolissima, un sogno. Interrotta dai dogmi della chiesa e da Agostino. Floria canta, d'amore e di dolore, invade ogni riga di questo libro gridando il suo inno alla libertà e lo fa con dolore, disperazione, passione, tenerezza. Una passione che ha portato anche alla nascita di un figlio, che ora Agostino vuole e non vuole. Ma Floria non accetta la rinuncia, non può sottostare a leggi umane, ma può vivere soltanto in un'esplosione di Amore. Ed è proprio un vero dibattito quello che intavola Gaarder, il concetto d'amore, che non può essere universale, che è sempre soggettivo, ma che coinvolge persone che amiamo e il nostro cuore. Non solo amore, ma anche Dio e la natura umana in primo piano nelle riflessioni di un uomo razionalissimo e una donna che, seppur vuole lasciare Agostino libero, non può accettare la fine imbastita del loro amore con rassegnazione. 
Che dire, l'idea è vincente, i sentimenti sono descritti splendidamente, Gaarder riesce a parlare con il cuore di un uomo e di una donna, in chiave sempre filosofica, aprendo mente e animo a riflessioni valevoli ed impeccabili. Uno dei suoi libri più belli.

"a colui che desidera molto, manca molto"
"è piacevole, di quando in quando, lasciarsi andare" Orazio
"credere è realizzare: la dedizione cura ogni male. Un filo sottile lega la volontà all'ottenimento del risultato"
"riconosco quel che mi giova ma faccio quel che mi nuoce" Ovidio
"quando gli stolti vogliono evitare uno sbaglio, di solito ne fanno un'altro" Orazio



 Vita brevis. La lettera d'amore di Floria Emilia a Sant'Agostino


Vita brevis. La lettera d'amore di Floria Emilia a Sant'Agostino
Gaarder Jostein
TEA, 2009
€8,00

4 commenti:

giulio ha detto...

Ho letto il libro qualche anno fa. A parte la classica finzione del manoscritto antico ritrovato e tradotto (tipo I promessi sposi, Il nome della rosa e forse anche I mangiatori di morte di Crichton), per il resto è interessante e originale. Inoltre porta a ricercare notizie su Agostino di Ippona e le sue teorie religiose.

Clau nel garage ha detto...

questo non l'ho letto, ma dell'autore ho letto il Mondo di Sofia e un altro di cui non ricordo il titolo.
Come potrai immaginare non mi sono piaciuti, la filosofia e le allegorie religioso/esistenziali non fanno per me :-)

Stia ha detto...

Di Jostein Gaarder ho letto altri libri, la ragazza delle arance è quello che mi ha dato di più forse, ma anche "Sofia" è molto bello. Terrò presente questo.

Anonimo ha detto...

molto bello, dolce,originale.

Posta un commento

Delicious Save this on Delicious

Nota

Questo blog rappresenta una raccolta di opinioni personali e pertanto soggettive. Le foto delle copertine sono tutte tratte da web.